Si intensifica il recupero da riscossione, la ripresa delle notifiche e lo smaltimento delle cartelle ferme per il Covid: stime dall’Agenzia delle Entrate.

In base al rapporto annuale presentato alle Camere dall’Agenzia delle Entrate, lo stop alle cartelle esattoriali previsto da marzo 2020 ad agosto 2021 ha rallentato le relative entrate fiscali, che si sono fermate a 6,4 mld di euro, con un calo di oltre 3 miliardi rispetto all’anno precedente.

Le previsioni 2021 sono state formulate sulla base dello scenario attuale, con la ripresa della Riscossione il primo settembre ed un aumento delle entrate per 7,1 miliardi a fine anno.

Ma in vista c’è un nuovo blocco delle cartelle, previsto da un ordine del giorno votato in Parlamento che impegna il Governo in questo senso.

Nel 2022 saranno quindi incassati 11,7 mld, una cifra persino più alta di quella registrata nel 2019, perché incamerando la ripresa si prevede di incassare anche i debiti accumulati durante la sospensione dovuta alla pandemia.

Fonte “PMI.it” del 21/09/2021